Costituzione società & consulenza legale

Avvio di un'Impresa, Proproprieta Intelettuale, Visure Camerali

Iniziare

Contabilità, consulenza fiscale & finanziaria

Paghe, Revisione Contabile, Fondi Strutturali Europei e Business Plans

Iniziare

Gestione Progetti & Investimenti

Amministrazione, Gestione Progetti e Costi, Trasferimenti di Proprietà

Iniziare

Consulenza in Information Technology

Migliorare il Business, Scelta dei sistemi, Strategia di Integrazione

Iniziare

A meno di due mesi dall'adozione della Finanziaria 2009, è, già, stata fatta una manovra bis correttiva dei conti pubblici imposta dal peggioramento della situazione economica che ha portato al calo degli introiti. La manovra bis prevede, principalmente, la rinuncia alle indicizzazioni salariali, tagli alle spese di diversi ministeri, nonchè l'introduzione di misure fiscali come la controversa imposta forfetaria per le microimprese. Alle prese con la crisi e criticato dai sindacati e dagli avversari politici, che gli rimproverano la mancanza di idee, il Governo reagisce. Il premier Emil Boc dà assicurazioni che la manovra bis approvata dal Parlamento non porterà a cali salariali per i dipendenti pubblici. Dal canto suo, il ministro delle finanze, Gheorghe Pogea, difende l'imposta forfetaria, che nella sua opinione, riporterebbe un bilancio sempre più povero entro i parametri di stabilità. Il ministro Pogea ritiene, allo stesso tempo, infondati i moniti lanciati dagli imprenditori e dall'opposizione liberale, stando ai quali, questa imposta minima, applicata persino alle ditte che non registrano profitto, porterà al fallimento di molte imprese.
Il Governo ha approvato un decreto che blocca, praticamente, gli scatti salariali fino alla fine dell'anno in corso. Non saranno intaccati il salario minimo e le pensioni, che saranno pagati senza subire tagli, promette il premier. Egli ha lasciato, tuttavia, aperta la possibilità che i salari crescano, ma solo se la situazione economica sarà favorevole.

Nei primi due mesi dell'anno in corso gli investimenti esteri diretti attratti dalla Romania hanno registrato il valore di 1374 milioni Euro, in aumento del 38% in confronto con l'analogo periodo dell'anno scorso. (995 milioni di Euro).


In termini di struttura gli investimenti esteri diretti attratti dalla Romania nel periodo gennaio - febbraio 2009 si sono così  distribuiti:
Partecipazioni al capitale - 45,2%;
Crediti intra - gruppo - 38,4%;
Il profitto reinvestito - 16,4%.
Per quanto riguarda l'impatto macroeconomico dobbiamo rilevare come gli investimenti esteri diretti abbiano coperto il deficit corrente dei primi due mesi del 2009,   rispetto a solo il 39,7% dello stesso periodo del 2008.

Sotto questo punto di vista dobbiamo ribadire che la Romania rimane una delle destinazioni più profique dove dirottare gli investimenti diretti esteri, la decisione dei partner stranieri è stata influenzata sempre di più dai calcoli di efficienza economica compreso il basso costo del lavoro altamente qualificato rispetto agli altri stati.

Alla luce dell'accordo in base al quale la Romania riceverà un prestito di circa 20 miliardi di euro dal Fondo Monetario Internazionale, la Commissione Europea, la Banca Mondiale e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, la Banca Centrale Romena ha deciso, ieri, di mantenere il tasso di interesse di riferimento al 10%, però ha modificato il livello delle riserve minime obbligatorie in valuta per le banche commerciali.


La Banca Centrale Romena ha eliminato le riserve minime obbligatorie per i crediti in valuta con scadenza superiore a due anni, misura che diventerà vigente dal prossimo 24 maggio. Una decisione sorprendente, ma gradita, lo affermano alcuni specialisti, i quali sono del parere che essa dovrebbe avere un effetto positivo a medio termine sulla concessione dei crediti e potrebbe portare ad un calo degli interessi, man mano che l'economia romena si riprenderà. Attualmente, non solo le banche si dimostrano prudenti nel concedere crediti, ma anche i clienti interessati ad accendere un prestito. Praticamente, lo dicono gli esperti, in seguito a questa misura, sul mercato potrebbero entrare 2-4 miliardi di euro, soldi che le banche commerciali potrebbero usare per concedere dei prestiti a lungo termine, come mutui o quelli per gli investimenti. D'altra parte, la Banca Centrale Romena ha deciso di mantenere l'attuale livello dell'interesse delle riserve minime obbligatorie per gli altri passivi al 18% in lei e al 40% in valuta. Gli analisti spiegano che si è optato per la riduzione delle riserve minime obbligatorie in valuta in quanto esistono, attualmente, abbastanza liquidità in lei. Un apprezzamento della moneta nazionale farebbe bene all'economia, perchè stimolerebbe le esportazioni e scoraggerebbe le importazioni. Altri analisti sostengono che la la politica della Banca Centrale Romena di mantenere l'attuale tasso di cambio è insostenibile e che si dovrebbe stimolare la concessione dei crediti nella moneta nazionale. La Banca Centrale ha annunciato che monitorerà attentamente, nel successivo periodo, le evoluzioni interne ed esterne e che prenderà le misure necessarie per mantenere la stabilità finanziaria dei prezzi a medio termine. Gli esperti affermano che la Banca Centrale Romena ha preso queste deicisioni dopo consultazioni con il Fondo Monetario Internazionale e dopo che esponenti del Fondo si sono incontrati, la scorsa settimana, a Vienna, con fattori di decisione delle nove banche-madre dei principali istituti creditizi della Romania, i quali si sono impegnati non solo a non ritirare i capitali, ma anche a finanziare in modo supplementare le filiali locali.

Nell'anno 2008, il flusso d'investimenti stranieri diretti attirato dalla Romania ha registrato il valore di 9024 milioni di Euro, in crescita' del 24% rispetto all'anno precedente (7250 milioni di euro). Considerando il periodo 1990 - 2008, il flusso d'investimenti stranieri diretti attirato dalla Romania nell'ultimo anno si avvicina (solo 36 milioni di euro in meno)  al massimo raggiunto nell'anno 2006 (con 9060milioni di euro).

Peraltro nel 2006, senza includere la privatizzazione di BCR, gli investimenti diretti hanno raggiunto 6,900 mld Euro, qundi possiamo considerare il 2008 un anno eccezionale nell'attrazione di ISD nell' economia della Romania.
La struttura degli ISD attirati nell'anno 2008 e' stata cosi" ripartita:

  • partecipazione al capitale - 2767EUR (30,7%)
  • reddito reinvestito - 1756EUR (19,4%)
  • altro capitale (crediti intra-gruppo) - 4501EUR (49,9%).


Nell'anno 2008 gli investimenti diretti hanno finanzato in proporzione di 53,5% il deficit di conto corrente, paragonato al 43,5% dell'anno precedente.

Devo segnalare che, nel mese dicembre 2008, la Romania ha registrato una crescita' del 20,5% del flusso mensile di ISD attirati (593milioni di Euro), paragonato con il mese precedente (492 milioni di Euro), nel profondo della crisi economica e nel contesto dell'esperienza  degli ultimi anni che mostra un flusso mensile piu' ridotto alla fine dell'anno

Pagina 4 di 4

Contatti

Noi siamo i commercialisti e avvocati che raggiungono i vostri obbiettivi con minimo di costi.

  • Padova (Italy)
         Via Montà n. 106
    Tel. (+39) 3486908777
  • Galati (Romania)
         Str. Al. Lapusneanu n. 18
    Tel. (+40) 236435321
    info()smart-project.ro

Copertura

  • Galati
  • Braila
  • Bucuresti
  • Slobozia
  • Tulcea
  • Buzau
  • Focsani
  • Bacau